Belfast Titanic Museum

Museo Titanic Belfast: informazioni utili

Se non ancora non avete pensato di includere Belfast nel vostro viaggio in Irlanda del Nord, provvedete subito a modificare la destinazione scelta nel navigatore e fate una doverosa deviazione.
4 Shares
0
0
4

Se non avete pensato di includere Belfast nel vostro viaggio in Irlanda, cambiate subito la destinazione scelta nel navigatore e fate una deviazione.
Diverse sono le ragioni per includere la città nel vostro viaggio in Irlanda: oltre al suo centro delizioso che ospita una vibrante scena musicale e ai celebri murales che ricordano la storia recente della città, assolutamente da non perdere la visita all’avveniristico museo Titanic Belfast, che nel 2016 ha vinto il premio come migliore attrazione europea. In realtà, non solo un museo, una vera e propria esperienza immersiva nella storia e nell’epoca del Titanic.

Belfast Titanic Museum

Museo Titanic Belfast: informazioni utili per la visita 

Progettato all’interno di un contesto di riqualificazione urbana, è raggiungibile dal centro con una piacevole passeggiata sul fiume Lagan e ha contribuito a rivitalizzare la zona della città dove sorgevano i cantieri in cui il celebre Titanic, salpato da Southampton il 14 aprile 1912, fu costruito.
La struttura esterna del museo è molto affascinante, ricorda l’architettura di Frank Ghery e l’intento è di rievocare la maestosità della chiglia del Titanic tramite l’utilizzo di enormi lastre di alluminio, che creano dei sorprendenti giochi di luce.
L’altezza dell’edificio è la stessa del Titanic e il numero delle lastre lo stesso delle persone che hanno perso la vita nella tragedia. La forma a quattro punte che partono dall’edificio ricorda la stella simbolo della compagnia navale White Star.
Tutti conosciamo la storia del progetto ambizioso che avrebbe dovuto collegare settimanalmente l’Europa a Nuovo Mondo grazie all’enorme investimento della compagnia White Star Line nella costruzione di una serie di transatlantici. Purtroppo, ancora meglio conosciamo la tragedia che colpì il primo di questi, quando, a causa della collisione con un iceberg, persero la vita circa 1500 passeggeri durante il viaggio inaugurale.

Belfast Irlanda del Nord

Cosa rende unico il Titanic Belfast Museum

ll museo è assolutamente originale, per la verità non si tratta di un vero e proprio museo nel senso tradizionale del termine ma di un percorso interattivo in cui il visitatore viene coinvolto, attraverso un percorso, costituito da nove gallerie.
Si comincia con una dettagliata rievocazione storica tramite una passeggiata nell’atmosfera della Belfast d’inizio ‘900, quando il la Belle Epoque è al suo apice. In questa atmosfera, il vivace sviluppo industriale e l’ingegno di menti visionarie portano alla realizzazione del più grande e lussuoso transatlantico dell’epoca.

Più che un museo, un’esperienza interattiva

Video, foto, attività multimediali e reperti dell’epoca ti catapultano a inizi Novecento e nelle sue stridenti contraddizioni. Emergono da un lato lo spirito di innovazione che contraddistingue l’Europa dell’epoca, che domina il commercio mondiale grazie alla sua superiorità sia in campo scientifico che tecnologico, dall’altro la povertà della maggior parte della popolazione, mettendo in luce il prezzo pagato dagli operai impiegati nell’impresa, che vivevano in condizioni disumane e rischiavano la loro stessa vita per un misero stipendio.

Museo Titanic Belfast

Il passaggio attraverso le porte originali del cantiere Harland & Wolf fa proseguire il viaggio all’interno del momento della costruzione della nave con una corsa al buio in stile luna park che, con effetti speciali, suoni, ricostruzioni a grandezza reale, riescono a farti immergere nella vita vera e propria della fabbrica.
Si entra fisicamente in una ricostruzione del luogo dove hanno lavorato 35.000 operai e si sentono i rumori assordanti del cantiere, le voci degli operai.
Si vive poi l’entusiasmo dell’inaugurazione del 31 maggio 1911, attraverso foto d’epoca.

Le storie dei protagonisti del naufragio del Titanic

Qui si scopre chi furono i passeggeri del Titanic e conoscere le loro storie, si tratta della parte più commovente. 
Poi si passa attraverso una ricostruzione della nave, con le cabine, le sale da pranzo, le sale motori, i ponti. La cosa interessante è vedere la differenza tra le diverse classi delle cabine che sottolineano, come, all’epoca le differenze sociali fossero tanto accentuate.
Si scoprono poi di persona gli artefatti originali del Titanic come le lettere dei passeggeri, le porcellane e l’ultimo menu del pranzo di prima classe il giorno della tragedia, per finire con la parte relativa al naufragio causato dalla collisione con un iceberg nella notte tra il 14 e il 15 aprile 1912.

Titanic

Le interviste ai sopravvissuti

L’ultima parte della galleria è davvero commovente e toccante e contiene una ricostruzione di come è avvenuto l’affondamento e delle video interviste dei sopravvissuti. Nelle prime sale introduttive si trovano locandine, poster, schermi che proiettano scene di diversi film.  Poi si vedono le richieste di aiuto tramite messaggi telegrafici proiettati sul muro.

Ed ecco, che si entra nel momento della tragedia: poco dopo la mezzanotte del 15 maggio 1912 il Titanic lanciò l’SOS, raccolta dall’Olympic. La nave sempre della White Star Line che si trovava a 1.000 chilometri di distanza dal Titanic e stava navigando sulla stessa rotta, ma in senso opposto. Camminando alla fine della galleria appare l’enorme muro di ghiaccio che rappresenta l’iceberg, come apparso ai passeggeri.
Le ultime immagini sono i filmati riprese da un piccolo sottomarino che ha filmato i resti del Titanic, che si trova tutt’oggi al largo di Terranova a 3.400 metri sotto il mare.

Il Museo Titanic Belfast dà una lezione di vita 

Tutti rimaniamo colpiti dalla storia tragica e romantica del Titanic forse per gli insegnamenti universali che trasmette.
Questa storia, rappresenta la fine di un’epoca in cui si è sviluppata una fiducia smisurata nei confronti della tecnologia.
Ma oggi è valida più che mai. Parte della responsabilità della tragedia è da attribuire alla superficialità umana e porta il messaggio che dobbiamo rimanere umili di fronte alla natura e non sfidarla mai.
Assolutamente consigliato: vale tutto il costo del biglietto!

Potete prolungare la visita con il Thompson Dry Dock l’immensa vasca dove il transatlantico venne equipaggiato, dove si può ammirare la portata della grandezza del Titanic e alla più piccola SS Nomadic, che portava i passeggeri di prima e seconda classe sul Titanic.

Iceberg

Belfast Titanic Museum: consigli utili

Abbiamo acquistato i biglietti per visitare il Museo del Titanic a Belfast, rigorosamente online, scelta che si è rivelata azzeccata poiché nei periodi di vacanza (siamo andati ad agosto) così come durante i fine settimana, alla cassa tendono a formarsi code interminabili. Il biglietto online permette di selezionare l’orario di ingresso per un’entrata immediata e scorrevole.
Il museo Titanic Belfast è indicato sia per adulti che per famiglie con bambini, ognuno verrà coinvolto dalla storia sapientemente narrata e coglierà aspetti diversi in base alla propria esperienza personale.
Tempo di visita: prevedete almeno tre ore per svolgere il percorso con calma.

Come arrivare a Belfast

La capitale dell’Irlanda del nord è collegata a diverse città italiane con voli diretti.
È raggiungibile anche da Dublino con due sole ore di macchina oppure in treno o bus.
Consiglio, se si ha tempo, di dedicare almeno tre giorni all’Irlanda del nord, vedere solo Belfast sarebbe un vero peccato.
L’Irlanda del Nord regala paesaggi magnifici e una costa pazzesca da esplorare.
E se siete amanti della serie il Trono di Spade, non potete perdere questo itinerario!

 

 

4 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You May Also Like