Itinerario di una settimana in Irlanda

Itinerario di una settimana in Irlanda

0 Shares
0
0
0

Va beh, oramai si sa che ho una passione per l’Irlanda, che è davvero un paese a sé, circondata dall’oceano Atlantico, i suoi paesaggi sono di una bellezza struggente.
Scegliere cosa vedere con una settimana a disposizione è molto difficile e, certo, decidere su che zona concentrarsi dipende molto dai gusti personale. Come primo viaggio, quello che descrivo nel mio articolo è l’itinerario di una settimana che consiglio a chi va in Irlanda per la prima volta.
Avendo a disposizione sette giorni si possono dedicare i primi giorni a Dublino e poi spostarsi per conoscere il resto del paese noleggiando un’auto. Suggerisco di concentrarsi nella zona sudovest, perché qui si può incontrare la varietà che caratterizza questo straordinario paese, oltre che vedere luoghi imperdibili come le Cliffs di Moher o il Ring of Kerry.

Mi raccomando: lasciate spazio alla imprevedibilità e fatevi guidare dall’istinto.
Girovagare senza meta nelle città o ne piccoli paesini, provare i pub tradizionali e assistere a uno spettacolo di musica dal vivo è il miglior modo per entrare nell’atmosfera del viaggio.

Trinity College cosa vedere a Dublino

La prima tappa dell’itinerario di una settimana in Irlanda: Dublino

Eccellenti ristoranti, boutique alla moda, famosi pub, bellissime gallerie d’arte, verdeggianti parchi cittadini, elegante architettura, storia affascinante: tutto questo è Dublino.

Ti consiglio di dormire in zona centrale, perché il centro è molto compatto. Visitarlo a piedi consente di risparmiare i soldi del taxi e ottimizzare i tempi non dovendo aspettare i mezzi pubblici.
Inoltre, consiglio di ritirare l’auto la mattina che si lascia Dublino, perché in città l’auto rappresenta solo un impiccio e i parcheggi del centro sono quasi tutti a pagamento. L’aeroporto di Dublino è ben collegato al centro città, grazie ai servizi di autobus come Aircoach e Airlink.

Entriamo nel vivo del viaggio!

Se l’orario d’arrivo lo consente, oggi puoi iniziare a scoprire la città e la sua storia.
Per un primo sguardo d’insieme prendi il famoso autobus turistico hopon hopoff.
In caso, preferisci muoverti in autonomia, inizia dalla zona centrale, che è divisa a metà dal fiume Liffey.
Nella zona della riva sud, l’atmosfera è più sofisticata, per la presenza di Grafton Street con i suoi negozi alla moda, allo stesso tempo, ci sono anche in giro tantissimi giovani e studenti del Trinity College.
Consiglio di cenare nella famosa zona di Temple Bar, che è certo molto turistica, ma costellata da una serie di pub uno più caratteristico dell’altro.

Cosa vedere in una settimana in Irlanda: secondo giorno ancora Dublino

Il secondo giorno visita le due cattedrali di Saint Patrick e Christ Church.
La riva nord del fiume è più popolare con le strade commerciali Talbot Street e Henry Street. In questa zona consiglio una passeggiata nel Phoenix Park, un parco di oltre 700 ettari che ospita al suo interno il Dublin Zoo.
Oppure visita il bellissimo edificio legato alla storia di Irlanda: il General Post Office dove nel 1916 si scatenò l’insurrezione popolare che portò alla proclamazione della repubblica.

Nel pomeriggio da non perdere il Guinness Storehouse dedicato alla famosa birra scura.
Se preferisci una gita fuori dalla città puoi raggiungere la baia di Dublino dove si trovano i villaggi di pescatori. Il più famoso di questi è Howth.

Se vuoi entrare maggiormente nel dettaglio delle cose da fare a Dublino o hai più giorni a disposizione per visitare l’Irlanda

ti potrebbe interessare questo articolo su cosa vedere a Dublino.

Terzo giorno: Dublino – Killarney (circa 390 km)

Il nostro itinerario di una settimana in Irlanda entra oggi nel vivo.
Dirigetevi verso sud e fate una sosta a Wicklow. Sosta fotografica alle rovine del Black Castle che si trova in posizione panoramica a picco sul mare. Visita poi Glendalough (la valle dei due laghi), legata alla storia di San Kevin. Qui puoi camminare all’interno di un grande cimitero con bellissime croci celtiche ricavate dalla roccia e ammirare la famosa torre circolare alta 33 metri.
Puoi prevedere anche una sosta a Kilkenny, sulle rive del fiume Nore, è famosa per la sua atmosfera medievale, il Castello e le vie acciottolate del centro e i passaggi segreti.
In alternativa, puoi valutare una sosta a Cork per non perdere la storica distilleria del Jameson Whiskey e il quattrocentesco Blarney Castle, famoso per la pietra che, secondo la leggenda, donerebbe l’eloquenza.
Altra alternativa la rocca di Cashel, un complesso architettonico di gran fascino, e il castello di Cahir, scelto come location per diverse scene del film Excalibur.
Pernotta nella zona di Killarney.

Cosa vedere in Irlanda Glendalough

Quarto giorno: Ring of Kerry (circa 160 km)

Questa giornata è dedicata alla scoperta del Ring of Kerry, uno dei percorsi più conosciuti di Irlanda. Tra montagne, scogliere a picco sul mare e piccole baie vi potrete fermare nei villaggi di pescatori in un giro circolare che vi riporterà a Killarney.
Sosta d’obbligo a Kenmare, porto di pesca famoso soprattutto per un monumentale cerchio druidico e il Lady’s view, il più spettacolare punto panoramico sui laghi di Killarney e il National Park di Muckross.

Puoi approfondire l’itinerario leggendo il mio articolo cosa vedere nel Killarney National Park

Quinto giorno: Killarney – Limerick (circa 318 km)

Se vuoi fare il pieno di natura incontaminata la penisola di Dingle fa per te. Meno turistica ma non meno bella del Ring of Kerry per molti è uno dei luoghi più suggestivi di Irlanda.
Qui l’oceano Atlantico trasmette tutta la sua forza infrangendosi sugli scogli punto
Hai due alternative: la prima è percorrere la strada costiera che vi porta alla meravigliosa Slea Head, il punto più occidentale della penisola.
Oppure puoi percorrere la strada che prosegue fino a Ballyferriter e alle Three Sisters Headland.
Diversi i siti archeologici che testimoniano la vita all’età del ferro e i ritiri spirituali di santi ed eremiti che scelsero queste terre per stare in solitudine.
Proseguendo per Limerick trovi il Bunratty Castle del ‘400 con, ai suoi piedi, il più antico pub irlandese, il Dirty Nelly e intorno il Folk Park, ricostruzione di un vero villaggio irlandese dell’800.
Pernottamento nella zona di Limerick.

Una settimana in Irlanda

Sesto giorno: Limerick – Galway (150 circa)

Oggi la giornata è dedicata a uno dei simboli di Irlanda: le Scogliere di Moher che sono rifugio di tantissime specie di uccelli marini.
Queste scogliere sono famose in tutto il mondo e si trovano sulla parte ovest dell’Irlanda.
La loro lunghezza è di 8 km e sono alte 200 m punto di seguito.
Indossa scarpe comode e percorri per un po’ i sentieri che ti porteranno lontano dalla folla, perché il luogo soprattutto nelle stagioni di punta è molto affollato. Se puoi fermati al tramonto è il momento migliore per i colori del cielo del mare. Riceverai emozioni intense e una sensazione di pace e di serenità.
Pernotta a Galway o dintorni.
Consiglio la sera di recarsi a Galway per cenare goal way è una cittadina molto gradevole famosa per la musica e per i suoi pub.

Settimo giorno: Isole Aran – Galway

Se il tempo lo consente prendete il traghetto per le isole Aran.
Puoi scegliere di trascorre la giornata su una delle tre Inishmore è la più grande e si gira in bicicletta o con altri mezzi locali.
Le tre isole sono famose per il loro paesaggio lunare privo di vegetazione, per i maglioni di lana di pecora bianca fatti a mano e per i muretti a secco. Per trasformare il terreno roccioso e sterile in aree coltivabili, infatti gli isolani hanno raccolto sabbia e fuco (un tipo di alga) e li hanno disposti a strati su piccoli appezzamenti irregolari, recintati da muri a secco.
All’agricoltura si affiancano le attività legate al mare, per le quali gli abitanti si servono di imbarcazioni leggere costruite con fasciami di legno e coperte da una tela incatramata.
Pernottate nella zona di Glaway.

Irlanda Isole Aran

Ottavo giorno: Galway – Dublino (km. 215)

Nel rientrare a Dublino, sostate a Clonmacnois, la più grande città monastica irlandese.

Consigli utili per vivere al meglio il tuo viaggio in Irlanda

  • Ricordati che il tempo in Irlanda cambia molto rapidamente che gli ombrelli sono inutili perché molto ventoso e che nella stessa giornata si possono più sperimentare quattro stagioni come dicono gli irlandesi quindi di vestirti a strati.
  • La disponibilità alberghiera è piuttosto scarsa e in particolare modo in alta stagione. I Bed & Breakfast ospitano poche persone e quelli più carini si riempiono prima.
  • Il modo migliore per visitare l’Irlanda è affittare l’auto perché ti permette di arrivare in luoghi remoti e difficilmente accessibili se temi la guida dall’altra parte della strada potrebbe essere utile leggere questo mio articolo.

Potrebbero anche interessarti i miei consigli su come organizzare al meglio un viaggio, non commettendo degli errori che lo potrebbero compromettere.
Il programma da me consigliato è molto denso. Se vuoi fare con calma, rinuncia a qualche tappa lungo il percorso per fare con più calma.

I miei consigli si basano sulla mia esperienza personale, perché ho trascorso quasi un mese in Irlanda e per lavoro ho organizzato il viaggio a tantissimi clienti, cliccando qui trovi le recensioni di alcuni di loro. Ho fatto tesoro di tutti i feedback ricevuti e sono in grado di proporre la migliore soluzione in base alle tue aspettative.

Se vuoi conoscermi meglio mi trovi anche sui Facebook e Instagram.

 

 

 

0 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You May Also Like