Trinity College cosa vedere a Dublino

Cosa vedere a Dublino

26 Shares
26
0
0

Se volete sapere cosa vedere a Dublino, nel mio articolo troverete diversi spunti che descrivono le attrattive culturali da non perdere, ma la capitale d’Irlanda è una di quelle città che ti rimane impressa per la sua atmosfera, l’ospitalità dei suoi abitanti, la musica dei pub e degli artisti di strada che incontrerete ad ogni angolo.
Nel corso del nostro viaggio on the road in Irlanda, Dublino è stata la prima tappa e ci è piaciuta davvero tanto e consiglio a tutti di trascorrervi due o tre giorni, prima di buttarsi nell’esplorazione di questo meraviglioso paese.

Quando andare a Dublino?

Dublino è visitabile in tutte le stagioni, anche durante  l’inverno, nonostante le ore di luce non siano molte, sono diverse le attrattive al chiuso. Se non volete perdere i tipici festeggiamenti per San Patrizio, sicuramente vi consiglio di andarci il 17 marzo, quando tutti gli angoli della città si tingono di verde e gli eventi e le occasioni di divertimento sono tantissime.

Half Penny Bridge

Perché andare?

La città fondata dai vichinghi ha una storia millenaria: soddisferà gli amanti della storia e della letteratura grazie ai suoi monumenti e musei legati ai personaggi illustri che sono nati qui, tra cui Molly Malone la famosa piratessa e scrittori del calibro di Oscar Wilde e James Joyce. Se avete voglia di divertirvi e di mangiare in ottimi ristoranti, Temple Bar farà al caso vostro.

Arrivo all’aeroporto

Dall’aeroporto al centro consiglio di prendere l’Airlink, un bus a due piani comodissimo che parte da entrambi i terminal. L’altra alternativa è prendere il taxi, anche se ovviamente il costo è più elevato se si è solo in una o due persone.

Ponte Half Penny

Cosa vedere a Dublino il mio itinerario a piedi

Il centro di Dublino è molto piccolo e compatto ed è possibile vedere le cose principali in due giorni, anche se volete fare le cose con più calma e in modo più rilassato, potete stare tranquillamente tre giorni senza annoiarvi. Sconsiglio assolutamente di affittare la macchina per muoversi in città: sia perché in centro ci sono difficoltà per trovare parcheggio, sia perché seguendo il mio itinerario a piedi vedrete le cose principali che sono davvero tutte vicine le une alle altre.

1 – Trinity College: la prima cosa da vedere a Dublino!

L’Università più famosa d’Irlanda è un’oasi di pace all’interno del caos del centro. All’interno dei vari cortili si respira un’atmosfera pazzesca: un contrasto fortissimo tra l’istituzione rigida del passato con i suoi edifici in stile georgiano e l’ambiente cosmopolita di oggi, grazie alla presenza di giovani provenienti da tutto il mondo.

Un po’ di storia

Fondata nel 1592 da Elisabetta I, per evitare che i ragazzi protestanti andassero a studiare in Europa ed entrassero in contatto con i cattolici, ha avuto studenti illustri come Oscar Wild, Jonathan Swift e Samuel Beckett. Da non perdere la famosa Old Library che ospita quasi 5 milioni di volumi e dal Book of Kells, un manoscritto miniato dall’indescrivibile valore che risale IX secolo, custodito nella Long Room, una sala della biblioteca lunga 65 metri che contiene più di 200.000 volumi. Insomma, il Trinity College con i suoi tesori è, senza dubbio, al primo posto tra le cose da vedere a Dublino.

Cosa vedere a Dublino

2 – Docklands

Tra le cose da non perdere a Dublino, l’area portuale sulle sponde del fiume Liffey, chiamata Docklands. Per anni lasciata al degrado, è stata riqualificata e sono diversi gli edifici avveniristici che oggi si affacciano sul Grand Canal. Facebook, Twitter e Google l’hanno scelta come sede dei propri uffici, i moderni palazzi di vetro hanno cambiato il volto del quartiere, diventato anche sede di importanti banche, compagnie di assicurazione e gruppi finanziari.

3 – Grand Canal

La zona è diventata anche un vibrante centro culturale grazie al progetto di Martha Schwartz, il cui epicentro è rappresentato dalla Grand Canal Square e il Grand Canal Theatre, con i suoi bastoni rossi che si illuminano al tramonto.
Da visitare il nuovissimo museo interattivo Epic, che descrive in maniera unica la storia dell’emigrazione irlandese.
Se avete dei bambini consiglio il divertentissimo Viking Tour su un mezzo anfibio che parte da Saint Stephen’s Square a termina proprio ai Docklands, con un’immersione nel Liffey!

4 – Merrion Square

Dalla zona dei Docklands, seguendo il mio itinerario per scoprire cosa vedere a Dublino, proseguiamo a piedi fino a Merrion Square, uno degli scorci più eleganti della città.
Si tratta di una piccola piazza, come si può dedurre dal nome, in cui si affacciano su tre lati vari edifici con tante porte dai colori vivaci e le tipiche lunette a coda di pavone, e su un lato Leinster House, sede del parlamento in stile palladiano.
Al centro della piazza c’è un bel parco, dove vi consiglio di rilassarvi specialmente di domenica, quando vari artisti vendono le loro opere e dove potete ammirare il busto di Oscar Wild, che ha abitato al civico numero 1.
Altri personaggi illustri hanno vissuto nelle case che circondano la piazza, per esempio al n. 58 abitò Daniel O’Connell e al n. 82 W.B. Yeats.

Dublino Porte colorate

5 – Saint Stephen’s Green

Questo curatissimo parco in pieno centro è il più antico della città. Merita senz’altro una passeggiata oppure, se il tempo lo consente, fate come noi, che abbiamo organizzato un fantastico pic-nic. Circondato da notevoli edifici di epoca georgiana, è davvero un’oasi di tranquillità tra laghetti e percorsi pedonali nel verde.

6 – Temple Bar

Va beh, Temple Bar è sicuramente il quartiere più vivace e famoso di Dublino, nonostante sia molto turistico, una visita alla capitale irlandese non può dirsi tale senza una serata a bere una pinta di birra in uno dei pub di questo quartiere ascoltando musica dal vivo. Ma anche di giorno la zona ha molto da offrire: nelle stradine del quartiere si possono trovare anche gallerie d’arte, spazi espositivi, piccoli negozi di artigianato, di libri, dischi e abiti vintage. A me è molto piaciuta la Gallery of Photography che ospita sempre delle mostre fotografiche interessanti.

Cosa vedere a Dublino Temple Bar

A poca distanza da Temple Bar si trova l’Half Penny Bridge, il cui nome proviene dall’importo del pedaggio che bisognava pagare per attraversarlo. Attraversate il ponte pedonale di ferro al tramonto e vi regalerà uno scorcio romantico della città al tramonto.

7 – Il Castello di Dublino

Per quanto mi riguarda ho trovato il Castello di Dublino un po’ deludente, della parte anglo-normanna del 1200 è sopravvissuta solo una torre circolare. Per il resto, si tratta più che altro di un palazzo in cui ha risieduto il potere britannico per 700 anni, per questo motivo è stato più volte oggetto di assalti da parte degli indipendentisti irlandesi. Anche gli interni non sono notevolissimi, ma se siete interessati ad approfondire la sanguinosa storia irlandese, potete visitarli al costo di 10 Euro.

Castello di Dublino

8 – La Cattedrale di San Patrizio

Questa cattedrale in stile gotico è stata costruita verso la fine del 1100, all’epoca di fuori delle mura della città.
È uno dei siti cristiani tra i più antichi ed è qui che, secondo la tradizione, San Patrizio battezzava i capi clan celtici convertiti: nel grazioso parco che circonda la cattedrale è possibile vedere ancora oggi il pozzo usato dal santo.
Poco rimane della chiesa originaria a causa dei molti danni subiti nel tempo tra incendi e temporali e l’interno è un insieme di stili: molto bella la fonte battesimale medievale in pietra, il pavimento del XII secolo e l’enorme organo con 4000 canne.
All’interno della chiesa sono custodite le reliquie di 500 personaggi irlandesi illustri, tra cui la tomba di Jonathan Swift, autore dei Viaggi di Gulliver e della sua amata compagna Ester.

Cattedrale di San Patrizio

 9 – Il Guinness Store House

Situato a un quarto d’ora a piedi dal centro storico, ma facilmente raggiungibile con i mezzi, il Guinness Store House è l’attrattiva turistica più visitata di Dublino. Si tratta del primo stabilimento in cui si è prodotta la birra scura irlandese, costruito nel 1759 da Sir Arthur Guinness. Non solo per amanti della birra, è una vera e propria istituzione dove è possibile assistere grazie alle mostre interattive a tutte le fasi del processo che porta alla produzione. In questo stabilimento, vengono prodotti migliaia di litri di Guinness che vengono esportati in tutto il mondo e dopo la visita dei 7 piani che lo compongono.
All’ultimo piano è possibile ammirare una splendida vista della città dal Gravity Bar e gustarsi una pinta inclusa nel costo della visita. In alta stagione consiglio di acquistare il biglietto in anticipo perché si formano delle code chilometriche.

Guinness Store House

10 – Altre cose che consiglio di vedere a Dublino

– La Galleria Nazionale Irlandese, ideale per una giornata di pioggia la Galleria Nazionale Irlandese
– The Spire, una gigantesca torre di acciaio alta 120 metri al centro di O’Connel Street
Grafton Street: la principale via dello shopping

26 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You May Also Like