Musei da vedere a Oslo

I musei da vedere a Oslo

0 Shares
0
0
0

Non tutti sanno che Oslo è una delle città con una delle più alte concentrazioni di musei in Europa e non è facile scegliere tra i musei da vedere a Oslo.

Siamo appena tornati da una tre giorni super intensa nella capitale norvegese, la scusa per andarci è stata rappresentata dal nuovo Museo Munch. Dopo anni di lavoro e qualche rallentamento dovuto al covid, infatti, il 22 ottobre 2022 è finalmente avvenuta l’inaugurazione. Il museo, con la costruzione dell’Opera House e della Biblioteca Deichman ha contribuito a modificare il volto della zona portuale di fronte alla stazione.

Ti potrebbe interessare anche cosa vedere a Oslo

Quali sono i musei vedere a Oslo se hai a disposizione poco tempo?
Ecco i miei consigli e un breve elenco di quelli imperdibili!

Musei da vedere a Oslo

Il primo museo da vedere a Oslo – Il museo Munch

Il Museo Munch è uno spettacolo sia in termini architettonici che per la collezione che viene presentata. L’artista è conosciuto in tutto il mondo per il celebre “Urlo”, che rappresenta l’emozione di terrore e orrore dell’intera umanità per gli scempi commessi durante la Seconda Guerra Mondiale. Dato che Munch è stato molto prolifico, è da anni che si cercava di dare il giusto spazio a tutte le sue opere.

Diverse sale, che contengono quadri del periodo di formazione dell’artista fino ad arrivare ai capolavori con “L’Urlo” (presente in tre versioni), “la Madonna” e “il Bacio”.

Fantastico l’edificio che lo ospita: sette piani con scale mobili e delle vetrate pazzesche che danno sul fiordo e sull’Opera House. All’ultimo piano una terrazza panoramica che da sul quartiere Barcode, anch’esso perfettamente integrato nel nuovo volto della città.

Munchmuseet Sito web 

Altro museo imperdibile a Oslo: I’Astrup Fearnely

La straordinaria collezione di arte moderna e contemporanea è divisa in due parti: la collezione temporanea che periodicamente viene rinnovata e la collezione permanente con le opere di artisti del calibro di Hirst e Jeff Koons. Anche in questo caso, lo spazio espositivo progettato da Renzo Piano rientra in un più ampio progetto di riqualificazione della zona dell’Akker Brygge.

L’intero quartiere sorge su canali e le due parti del museo sono collegate da ponti e la forma, che ricorda quelle di un veliero con le sue liste in legno e vetrate luminose, danno un tocco particolare a tutta la zona.
Io ho amato tutto il quartiere specialmente di sera con le nuove architetture e le lucine che dai nordici che si specchiano nell’acqua.

Astrup Fearnely Sito web

Musei di Oslo quali vedere

I musei della penisola di Bygdøy

La penisola di Bygdøy sorge a poca distanza dal centro ed è raggiungibile in battello dal molo di fronte al Municipio, un edificio modernista in mattoni rossi riconoscibile per le sue due alte torri. Quando la si raggiunge sembra impossibile che sia così vicina a una capitale: boschi e parchi, ville lussuose e bellissime spiagge.

Dei tra i musei da vedere a Oslo, il più ampio e conosciuto della zona è:

Il Folkmuseum ricorda il celebre Skagen che si trova a Stoccolma, questo enorme spazio all’aperto, è molto interessante e attira soprattutto le famiglie, anche se la passeggiata tra le 155 case ricostruite che richiamano le varie epoche e particolarità regionali della Norvegia è interessante per tutti.

La vera chicca del museo e principale motivo per cui l’abbiamo visitato è la ricostruzione di un’antica stavkirke, la tipica chiesa in legno risalente al 1200. Di queste chiese del nord Europa, ne sono rimaste davvero pochissime. Risalgono la periodo in cui i vichinghi si sono convertiti al Cattolicesimo e la loro particolarità è il fatto che siano costruite interamente in legno, con cura e maestria con cui i vichinghi costruivano le loro navi.

Museo Folkloristico Norvegese Sito web

Altri musei interessanti a Oslo

Tra gli altri musei che si possono visitare a Bygdøy, sarebbe stato interessante il Museo delle Navi Vichinghe, ma è chiuso per ristrutturazione fino al 2026.

Molto interessante anche il Museo della Fram che prende il nome dalla nave rompighiaccio che è stata utilizzata per varie spedizioni artiche.

Attesissima, l’apertura della Nuova Galleria Nazionale, che sorge tra il Municipio e il Palazzo dei Nobel e la cui apertura è prevista per il 2022.

Se anche tu vuoi organizzare un weekend a Oslo o un viaggio in Norvegia…

Richiedi una consulenza

0 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You May Also Like