Bath cosa non perdere

Cosa vedere a Bath in due giorni

0 Shares
0
0
0

Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1987, Bath si trova nella campagna inglese del Somerset a poca distanza da Londra ed è nota principalmente per la sua elegante architettura georgiana.

Due giorni a Bath: cosa vedere nella città più elegante d’Inghilterra

A raccontarla sono i suoi musei, così come le caratteristiche terme romane e l’originale architettura, perfetta rappresentazione di una tradizione britannica senza tempo.
Per non dimenticare tutti i personaggi noti legati alla città tra cui la famosa scrittrice Jane Austen, figura di spicco della letteratura neoclassica. Il centro compatto di Bath è facilmente percorribile a piedi e la presenza di bar, bistrò e ristoranti contribuisce a rendere il soggiorno ancor più piacevole.
Bath è senza dubbio tra le città più belle dell’Inghilterra e nel mio articolo scoprirete cosa vedere e cosa non perdere in due giorni di visita, assaporandone la rara bellezza! 

La prima cosa da ammirare è l’architettura georgiana

L’anima raffinata della città si esprime per la presenza di un gran numero di edifici georgiani che sono il simbolo della città.
L’architettura georgiana è il nome dati dagli inglesi agli stili architettonici che si sono sviluppati fra il 1720 e il 1820 e deriva dai nomi dei quattro re George che si sono susseguiti in questi anni. È caratterizzata dall’utilizzo di precisi calcoli matematici per stabilire le proporzioni (per esempio delle finestre rispetto alle dimensioni di una stanza) ed è dal rispetto della simmetria.
Massimo esempio di architettura georgiana a Bath e, tra le cose da vedere assolutamente, il complesso del Circus: una residenza circolare divisa in tre parti uguali con la pietra color miele tipica della zona di fronte ad un grande parco. Da non perdere anche il Royal Crescent un semicerchio di case a schiera il cui numero 1 trasformato in una casa museo con mobili e decorazioni originale dell’epoca.

Casa vedere a Bath in due giorni

Ecco cosa non perdere: le terme romane

La città del Somerset è particolarmente conosciuta per le Terme Romane, una delle attrazioni principali della città: l’ingegno dell’imperatore Vespasiano nel 75 d.C. portò a sfruttare le sorgenti di acqua calda della zona e alla costruzione di queste terme oggi trasformate in un museo.
Vale la pena partecipare ad una visita guidata durante la quale sarà possibile transitare per le stanze che un tempo componevano le terme, compresa la più estesa chiamata Great Bath o King’s Bath.
Se la visita delle antiche terme vi ha messo voglia di rilassarvi potrete farlo alle “Thermae Bath Spa”, una struttura nuova che offre la possibilità di scegliere tra un gran numero di trattamenti rilassanti.

Bath terme romane

L’Abbazia di Bath e il Pulteney Bridge

Sicuramente degna di nota è anche Bath Abbey, la cattedrale della città. Si tratta di una chiesa anglicana dedicata ai Santi Pietro e Paolo, testimonianza del tipico stile gotico britannico costituito da vetrate istoriate e magnifiche colonne dorate con un tratto distintivo a dir poco unico: un frontone perfettamente simmetrico che determina giochi di spazi pronti a lasciare ogni spettatore senza fiato.
È possibile salire sulla torre per ammirare un panorama eccezionale dell’intera città.
Transitando lungo la parte posteriore dell’abbazia, di giunge poi presso i Parade Gardens, giardini che si trovano accanto al fiume Avon, dove è piacevole rilassarsi passeggiando fino al Pulteney Bridge, uno dei pochi ponti al mondo simile al famoso Ponte Vecchio a Firenze, con i negozi situati sue entrambi i lati per tutta la sua lunghezza.

Bath ponte non perdere

Sulle tracce di Jane Austen

Oltre che per la famosissima architettura georgiana, la città è conosciuta anche per le sue importanti connessioni letterarie, prime tra tutte quella con Jane Austen che ha ambientato qui due suoi romanzi: Persuasione e Northanger Abbey e ha vissuto a Bath per 6 anni.
A pochi passi dall’abbazia nel cuore del centro di Bath il Jane Austen Centre. La visita vi permetterà di effettuare un tuffo nel passato, immergendovi nella realtà in cui visse la famosa scrittrice.
Accanto al museo si trova poi l’iconica Regency Tea Room, una tipica sala da tè inglese, dove è possibile degustare oltre 15 varietà di tè pregiati insieme a dolci squisiti.

Panorama di Bath

Attrattiva che merita di essere visitata è senza dubbio anche la nota Victoria Art Gallery, galleria d’arte pubblica di Bath, gestita dal Consiglio della Città di Bath dove all’interno sono conservate innumerevoli opere d’arte classica e moderna. Progettata ed edificata nel 1897, vede protagonista la statua della Regina Vittoria in onore della quale la galleria fu istituita per celebrarne il sessantesimo anniversario del regno. L’ingresso in genere è gratuito ma spesso ci sono eventi a pagamento.

Musei e teatri

Quando si sceglie di visitare Bath, meritano interesse anche molti musei come il Museo di Beckford: realizzata in stile neoclassico, fu costruita da William Beckford nel 1827 come luogo di studio. Attualmente ospita un’importante collezione che comprende pitture, oggetti di vario genere, stampe e modelli artistici racchiusi in edificio che offre un meraviglioso panorama della città.
Transitando lungo la Great Pulteney St. si giunge al The Holburne Museum, edificio pensato originariamente per costituire una struttura ricettiva, oggi impiegato per ospitare un’ampia collezione d’arte e arredamento, circondato da magnifici giardini.
Degni di nota anche il Teatro Reale, uno dei teatri più pregevoli e antichi del Paese, il quale ospita un auditorio magnificamente arredato, così come il Museum of Bath at Work, dedicato all’ingegneria minerale e all’industria che mostra una Bath al lavoro da oltre 2000 anni.

Per gli amanti della natura

Per chi predilige invece le lunghe passeggiate, un’altra cosa da includere in un itinerario di due giorni è il percorso della Bath Skyline per ammirare fiori di ogni genere e boschi circondati da pietra calcarea. Per ammirare Bath da una prospettiva diversa.
Allo stesso modo, gli amanti della natura non potranno non apprezzare Prior Park, un magnifico giardino creato nel XVIII secolo.

Ti potrebbe interessare anche: cosa vedere in Inghilterra

0 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You May Also Like