Scozia panorama verde

Isola di Skye: cosa vedere e come arrivarci

1 Shares
0
0
1

Paesaggi selvaggi, castelli medievali e un whisky degno di nota. L’Isola di Skye, in Scozia, è esattamente questo e molto di più, motivo per cui rappresenta una tra le mete più apprezzate e affascinanti da includere in un viaggio in Gran Bretagna.

Situata nel Nord-Ovest della Scozia, nella regione delle Highlands, l’Isola di Skye fa parte dell’arcipelago delle Ebridi Interne.
Per raggiungerla esistono diverse alternative: via terra, attraverso il ponte di Skye che collega l’isola alla terraferma (in questo caso d’obbligo una sosta al Eilan Donan Castle, uno dei castelli più fotogenici di Scozia). Se si parte da una delle isole dell’arcipelago, si può sfruttare il traghetto, come abbiamo fatto noi che arrivavamo dall’Isola di Harris.
Due linee di autobus collegano l’Isola di Skye alle città di Inverness e Glasgow.

<p style="text-align: center;">[button link="https://chiaraporrati.com/contatti/" type="big" color="silver"] RICHIEDI SUBITO UNA CONSULENZA GRATUITA[/button]</p>

Cosa vedere sull’Isola di Skye

L’Isola di Skye offre innumerevoli luoghi d’interesse a turisti e visitatori, sia sotto l’aspetto storico che naturalistico. La straordinaria bellezza di questa meta, appare nota fin dall’epoca vittoriana, quando i nobili britannici erano soliti recarvisi per praticare alpinismo, trekking ed escursionismo.

Sull’Isola di Skye infatti troneggiano i monti Couillin e le Red Hills, colline in granito rosa che danno vita a uno spettacolo indimenticabile. Per apprezzare al meglio tale itinerario è consigliato percorrere la strada che dalla piccola cittadina di Glenbrittle giunge a quella di Elgon, per poi proseguire verso Loch Corunisk, tra i laghi più affascinanti e misteriosi di tutta la Scozia.

Scozia Isola di Skye Portree

Il percorso più famoso dell’Isola di Skye è quello per raggiungere la penisola di Trotternish, una lingua di terra costituita da rocce di basalto vulcanico e da pareti a picco sul mare: uno scenario mozzafiato. Giunti poi in prossimità della Staffin Bay, un piccolo sentiero conduce al Quiraing, una foresta prevalentemente rocciosa, dove la natura da il meglio di sé. Spostandosi dalla penisola di Trotternish al villaggio di Portree si raggiunge facilmente anche Kilt Rock, località magica a dir poco. Qui si trova la Mealt Waterfall, una cascata che dalla scogliera di basalto, si getta direttamente in mare, colpita ripetutamente dai forti venti del Nord.

Scozia Isola di Skye

Meta ideale per tutti appassionati di trekking, merita una visita anche la penisola di Duirinish, uno dei percorsi più impervi e irti dell’Isola di Skye: raggiungendo il faro di Nest Point, si può apprezzare uno dei panorami più spettacolari dell’intera Scozia, ammirando gli immensi prati verdi che lambiscono le rocce fronte mare.

Scozia Isola di Skye Panorama

L’Isola di Skye e le piscine fatate

Percorrendo la strada per Glenbrittle compare uno dei luoghi più incredibili dell’Isola di Skye: le cosiddette Fairy Pools o piscine fatate.
Si tratta di una vallata con cascate, ruscelli e laghetti che prendono vita dallo scorrere incessante del torrente Glen Brittle. Acqua limpida e ghiacciata scorre tra le rocce e attraversa gli sterminati prati di erica, donando ai turisti un vero e proprio spettacolo.
Sono adatte alle famiglie con bambini perché il percorso per raggiungerle è semplice e breve.

Scozia Piscine fatate

Scozia Fairy Pools

Sull’Isola di Skye non è solo la natura ad essere protagonista. Il villaggio di Portree regala la vista su uno dei porticcioli più pittoreschi e caratteristici delle Highlands dove a fare da contorno sono le deliziose casette colorate, i ristoranti di pesce così come gli innumerevoli pescherecci ormeggiati.

Sull’Isola di Skye sono presenti inoltre innumerevoli castelli: il più noto? Quello di Dunvegan, residenza di Clan McLeod.

Il whisky: tra le principali attrazioni, le note distillerie

L’ottimo whisky rientra tra le attrazioni presenti sull’Isola di Skye: la distilleria del Talisker, aperta ai visitatori produce uno scotch di puro malto tra i più apprezzati e amati al mondo. Una visita per ogni appassionato che si rispetti è davvero un obbligo, sebbene il Talisker non sia l’unico whisky prodotto sull’isola: il villaggio di Eilean Iarmain ospita aziende che producono liquori realizzati la tradizione gaelica.

Insomma, tantissimi i motivi per includere l’isola di Skye in un itinerario in Scozia!

Whisky Scozzese

E tu vuoi organizzare il tuo viaggio in Scozia?

Contattami subito per richiedere ulteriori informazioni: saprò consigliarti tutti gli itinerari da non perdere e le attrazioni più amate dai turisti provenienti da ogni parte del mondo.

Richiedi una consulenza

1 Shares
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You May Also Like