Lago Inari ghiacciato

Viaggio in Lapponia finlandese

0 Shares
0
0
0

Il mondo artico mi ha sempre affascinata e questo viaggio in Lapponia finlandese era uno dei miei sogni nel cassetto.

Casette di legno neve Lapponia

Perché ho scelto Nellim

Lumavo la piccola località di Nellim da un sacco di tempo, dopo averlo venduto a diversi clienti che tornavano sempre ammaliati dalla magia e dal silenzio di questa zona remota della Lapponia finlandese.
Il caso ha voluto che a inizio dicembre abbiamo avuto la possibilità di visitarlo, grazie a una disdetta di quattro persone dell’ultimo momento.

Ed è così che coinvolgo la mia famiglia a partire per questa zona ai confini del mondo. Siamo un minuscolo paesino che sorge sul lago Inari (il terzo più vasto della Finlandia) che d’inverno ovviamente si trasforma in un’enorme distesa ghiacciata. L’avevo individuato come il luogo ideale per iniziare a esplorare il Grande Nord, isolato, remoto, in mezzo alla natura incontaminata e, grazie alla lontananza dall’inquinamento luminoso si tratta di uno dei luoghi ideali per osservare l’aurora boreale.

Ti potrebbe interessare anche il mio articolo su dove vedere l’aurora boreale.

Lago Inari Lapponia

Viaggio in Lapponia finlandese: dove siamo

Ci troviamo a quattrocento chilometri a nord del Circolo Polare Artico e a soli sette chilometri dal confine russo.

Il periodo scelto sono state le vacanze di Natale, purtroppo avevamo a disposizione solo pochi giorni tra Natale e Capodanno con la volontà di soddisfare le esigenze di tutta la famiglia. Sono sicura che tornerò con più calma perché qui sotto il pontile del lago ghiacciato ho lasciato un pezzettino di cuore.

Partiamo da Milano Malpensa il 26 dicembre e già arrivati a Helsinki (dove facciamo scalo) veniamo investiti da un cielo pazzesco, che poi uno dei motivi principali per cui amo queste zone è la luce particolarissima. So già quello che ci aspetterà a quelle latitudini: la lieve notte artica o kaamos come viene chiamata in finlandese. Si tratta un periodo di circa due mesi, durante il quale il sole non sorge mai oltre l’orizzonte e solo per poche ore al giorno c’è luce. In questo periodo troverai un perenne crepuscolo, con albe alle nove del mattino e tramonti alle tre del pomeriggio, che ti tolgono il fiato.

Lapponia finlandese abeti

Un sogno che si realizza

Conoscevo la realtà raccontata dai miei numerosi clienti, ma non conoscevo le sensazioni incredibili che si provano a vivere in quello che io definisco un mondo incantato: durante l’inverno in Lapponia si percepisce un non so che di magico. Sarà l’assenza di rumore, di inquinamento e la libertà dello sguardo che si posa su orizzonti infinti, il tutto accentuato da questa la luce indescrivibile. Si è avvolti da un’atmosfera surreale e qui staccare la spina è un attimo.

Arriviamo al lodge di sera tardi, è buio pesto, ma la nostra casetta ci accoglie come un nido e la zuppa calda e il pane delizioso che troviamo al nostro arrivo ci fanno sentire subito coccolati.

Cottage in Lapponia

Il primo giorno in Lapponia finlandese

Il mattino dopo, quando esco dal cottage alle nove il cielo è ancora scuro, ma rischiarato da dei bagliori particolari. Facciamo colazione e vado subito in esplorazione dei boschi circostanti: il freddo è pungente e l’unico rumore il crepitio dei miei scarponcini e il mio respiro.

Sono subito rapita dall’incredibile contesto naturalistico che mi circonda.
Con il mio abbigliamento da montagna, ho freddo e non riesco a stare fuori a lungo, meno male che in tarda mattinata ci consegnano l’abbigliamento termico aggiuntivo, una tutona che va indossato sopra ai tuoi vestiti. Ci sono circa – 30° e ci prepariamo per il primo safari artico in programma per questi giorni: un giro in motoslitta sul lago ghiacciato. Non ho mai guidato uno di questi mezzi, ma mi trovo molto a mio agio, soprattutto grazie alla calma che mi trasmette il paesaggio circostante.

Cosa indossare in Lapponia in inverno?

Al ritorno, siamo molto infreddoliti e non ci resta che buttarci nella sauna che abbiamo nel nostro cottage, una vera goduria!
La sauna è una tradizione immancabile, se ti rechi in Finlandia non dimenticare a casa il costume (e se lo dimentichi poco male: i finlandesi la fanno nudi)!

Viaggio in Lapponia finlandese

Leggi il mio articolo in cui spiego la tradizione della sauna in Finlandia.

Non ho il coraggio di buttarmi nella neve, come farebbe un vero finlandese per esercitare la sua sisu, ma mi riprometto di farlo nei giorni successivi (ma non lo farò).

Se non sai cos’è la sisu leggi qui!

Caccia all’aurora boreale

Alla sera ci aspetta la prima uscita per cacciare l’aurora: il cielo è terso e pieno di stelle e le premesse sono ottime, perché già prima della partenza, guardando verso nord, dei bagliori verdi iniziano a palesarsi.

Aurora boreale Finlandia

Ci rechiamo di nuovo con le motoslitte verso il lago, dove intorno a un fuoco, allestito per l’occasione iniziamo a guardare il cielo, ma non dobbiamo attendere molto. Ecco che sopra le nostre teste bagliori verdi iniziano a danzare lasciandoci a bocca aperta. L’aurora boreale, costituita da particelle di vento solare che si scontrano con l’atmosfera terrestre, seppur un fenomeno chimico scientificamente spiegabile, lasciano sempre quell’aurea di magia in ognuno di noi. Sarà per la sua imprevedibilità o per la sua bellezza, almeno una volta nella vita va vista!

(la foto dell’aurora è stata scattata da Andrea Lacivita)

Il secondo giorno del nostro viaggio in Lapponia finlandese

Il mattino dopo mi dedico a un’altra passeggiata, questa volta lo spettacolo che mi attende è questo:

Finlandia inverno

E non penso che abbia bisogno di parole…

Nel primo pomeriggio ci dedichiamo a quella che rimarrà non solo l’esperienza più bella qui in Lapponia, ma addirittura della nostra vita. Partiamo da un allevamento di cani husky per compiere una corsa pazzesca sul lago tra isole che appaiono come boschetti e costellano la superficie ghiacciata e un tramonto mai visto. Difficile spiegare a parole la sensazione di libertà che ti dà questa corsa in mezzo ai paesaggi innevati!

Se vuoi puoi approfondire il discorso sui safari artici, leggendo il mio articolo: si tratta di esperienze che non puoi perdere assolutamente se organizzi un viaggio in Lapponia!

Alla sera usciamo per una ciaspolata nel bosco, sempre con l’intento di cacciare l’aurora, ma il cielo è coperto, quindi non abbiamo successo. Ma inizia a nevicare e l’atmosfera rimane quella da winter wonderland!

Il terzo e ultimo giorno

L’ultimo giorno in questo paradiso lo dedichiamo ad altre passeggiate nei dintorni. In particolare, ci rechiamo a visitare la Chiesa Ortodossa di San Trifone Pechenga. Costruita interamente in legno in mezzo a un bosco, accanto alla chiesa sorge un piccolo cimitero, avvolto nel candore della neve.

Nellim Finlandia

Salutiamo la Lapponia con una lunghissima sauna, al mattino successivo partiamo per Helsinki, dove avremo la possibilità di fermarci 24 ore, giusto il tempo di dare uno sguardo alla città.

Devo dire che questa breve ma intensissima esperienza in Lapponia, mi ha lasciato con la voglia di tornare, sono testimone del fatto che il mal d’artico esiste!

E tante sono rimaste le domande a cui non so dare risposta…

Cos’ha spinto l’uomo ad arrivare fin quassù? Forse il desiderio di ritrovarsi in un posto così remoto lontano da tutto o il desiderio di sfida e di vivere in un luogo apparentemente così inospitale? Forse entrambi?

Se anche tu vuoi organizzare un viaggio al Grande Nord…

Richiedi una consulenza

0 Shares
6 comments
  1. bellissimo questo articolo, molto emozionante e trasmetti proprio la voglia di andare in lapponia filandese, che ormai ho inserito nella mia bucket list. i paesaggi sono davvero fantastici, la natura incanta sempre e questa e’ davvero pazzesca.

    1. Ciao Lara, grazie mille. Più che un viaggio è davvero un’esperienza spettacolare che non dimentichi più e, come ammaliato da quella luce particolare, pensi subito alla prossima volta in cui potrai ritornare! Assolutamente da fare!

  2. Grazie a te e alla tua professionalità abbiamo visitato la Lapponia e più Precisamente Rovaniemi a ridosso di Natale. Un’esperienza unica che ti rimane nel cuore e dal momento che rimetti piede in Italia inizi a pensare Al prossimo viaggio che farai in questo stupendo pianeta. Perche non sembra di essere sulla terra.

  3. BEllo!!!
    rAPIDO E INDOLORE, COME PIACE A ME.. TESTO SCORREVOLE, FOTO APPROPRIATE E BEN FATTTE..
    mANCANO LE NOTE ALIMENTARI E ALCOLICHE DEL POSTO, FARO’ UNA CONSULENZA PRIVATA!! lO SAI CHE SONO UN GRETTO MATERIALISTA E UN PO’ RAGIONIERE..
    iL SOLE 24ORE SI TROVA? EHEHEHE
    sTAI FACENDO UN BEL LAVORO VERAMENTE.. COMPLIMENTI!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You May Also Like